venerdì 27 gennaio 2012

I primi esperimenti con i leds




Dopo un paio di settimane, finalmente è arrivata la scheda USB della opencockpits.



Oltre la scheda ci sono anche led rossi, gialli e verdi.


E' quindi arrivato il momento di iniziare a fare qualche esperimento...e prima di fare danni "elettrici" sarà meglio chiamare rinforzi...Pierooooooooooooooooooo...cheffai stasera????

Proviamo subito la scheda USB per verificarne il funzionamento con il software a corredo: occorre quindi collegare i led all'uscita, inserendo una resistenza sul segnale per evitarne la bruciatura.


Miracolo...i led si accendono!!!!!! Per adesso semplicemente usando il software di test a corredo...niente simulatore per adesso!

Mettiamo un pò di ordine e inseriamo i led direttamente sulla scheda millefori e colleghiamo 3 uscite della scheda alla basetta tramite appositi connettori


Sempre utilizzando il software di test verifichiamo che i led si accendano...quindi i collegamenti e le saldature sono a posto...

La scheda quindi funziona...il prossimo passo sarò quello di utilizzare il linguaggio di programmazione SIOC per interfacciare il simulatore e pilotare l'accensione dei led in base ad eventi del simulatore stesso.

Per adesso mi ritengo più che soddisfatto...non avevo mai fatto accendere dei led :)

Un caro ringraziamento a Piero per il supporto tecnico ...

lunedì 16 gennaio 2012

Il progetto




E' il momento di iniziare a pensare...

...cosa voglio ottenere...

...cosa ho già...
...cosa devo fare...

...cosa mi serve...
...quanto voglio spendere...


Cosa voglio ottenere è abbastanza chiaro...qualunque cosa si avvicini a quanto illustrato precedentemente...l'importante è che lo abbia fatto io...

Di seguito l'elenco di cosa penso di utilizzare e di cui sono già in possesso:

- tanto spazio :) (tavernetta o mansarda, in funzione della temperatura...)
- un pc ben carrozzato per il simulatore;
- un video proiettore Full HD EPSON EH-TW2900


- una serie di strumenti e pannelli già assemblati per non dover partire da zero; un annetto fa avevo comprato (tutto della SAITEK)

*** cloche, manette e pedaliera;
*** pannello per l'autopilota;
*** pannello radio;
*** pannello switch multiuso;


- un pc secondario collegato in rete abbinato a due monitor per i GLASS COCKPIT (software FREEFD e P8R) e gli STAND-BY INSTRUMENTS (software di Dave Ault - thanks Dave - http://homepage.ntlworld.com/davidault/software.html)

- tanta pazienza...

Con i moduli della SAITEK ho già un buon 60% di interfacciamento pronto...il resto è da implementare...mancano molte spie luminose e alcuni bottoni e switch di comando...

Metto quindi in cantiere la prima spesa: una scheda di interfaccia per pilotare le spie mancanti...

Dopo un pò di documentazione decido di acquistare questa scheda USB:

http://www.opencockpits.com/catalog/usboutputs-p-122.html?cPath=21_44


E' in grado di pilotare 64 uscite digitali e 5 ingressi analogici...io la userò principalmente per le uscite, che, nel mio caso, saranno dei semplici LED. Tramite un linguaggio di programmazione chiamato SIOC (finalmente qualcosa che conosco bene) e un modulo software aggiuntivo chiamato FSUIPC è possibile ricevere informazioni su ogni componente del simulatore e pilotare i led di conseguenza.

...avendo speso ben più di 50 euro ormai non si torna più indietro :)

In attesa che gli spagnoli mi spediscano quanto appena acquistato, mi rifornisco di un pò di materiale elettrico utile (basetta millefori, resistenze, saldatore, led etc etc).

Rimane il problema di come interfacciare i pulsanti e gli switch che mancano. Decido quindi di provare a crearmi un'interfaccia USB di ingresso utilizzando il circuito di una tastiera USB. Sempre grazie al mio "amico" Dave ho trovato questa soluzione molto economica che potrebbe farmi risparmiare un bel pò di soldi. In sostanza, collegando i pulsanti e gli switch ai contatti della scheda che pilota la tastiera si riesce ad emulare la pressione dei tasti; questi tasti verranno poi assegnati a determinate funzioni del simulatore...in questo modo con bottoni e pulsanti si può comandare il simulatore. Vediamo se ci riuscirò...

Dulcis in fundo ci sarà bisogno di creare un opportuno case di legno nel quale inserire tutti i vari pezzi del cockpit: i due monitor per la strumentazione GLASS, i moduli SAITEK e i led, pulsanti e switch che andrò a creare...

sabato 14 gennaio 2012

L'idea




Che cos'è un Home Cockpit?

A molti forse non dice niente, ma per chi, come me, ha la passione del volo e deve ripiegare sul simulato, l'home cockpit è lo strumento attraverso il quale la simulazione può diventare "quasi" reale.

Qui ci sono alcuni esempi





Dopo tanto tempo passato a spiare personaggi del web che, coltivando la mia stessa passione del volo (simulato e non), hanno intrapreso il progetto di costruirsi un home cockpit da interfacciare al simulatore di volo su computer, ho deciso "a fatica" di provarci anch'io...

...fino a qualche mese fa sembrava per me un'impresa impossibile...ma mi sono detto: "se altri ci sono riusciti o almeno hanno azzardato il tentativo, perchè non posso fare altrettanto anch'io?" .

Ho deciso quindi di provarci, anche se so benissimo che il problema principale sarà sicuramente il mio tempo libero a disposizione...che purtroppo è sempre troppo poco :)

Chiaramente il mio obiettivo non è così ambizioso da voler raggiungere un risultato simile ai video di cui sopra; diciamo che mi accontenterei di un qualcosa di più artigianale ma che mi permetta di non dover più toccare la tastiera del PC per attivare le diverse funzioni del simulatore.

Grazie alle info trovate sul blog di un "collega" (Dave Ault, http://www.learjet45chimera.co.uk), ormai diventato il mio punto di riferimento per ogni dubbio, grazie alla spinta psicologica che può dare una media del 22 abbondante ottenuta con gli esami di elettrotecnica ed elettronica analogica e digitale del Politecnico di Torino e soprattutto grazie alle lezioni private e ai consigli ricevuti dal mio caro vicino, mega esperto di elettronica e affini, decido di iniziare la progettazione e di cominciare a reperire tutto il materiale utile.

L'aereo scelto è il Bombardier LEARJET 45


Inizia l'avventura...